Ospitalitá italiana

nota de prensa osp ita

 

nota de prensa osp ita lista risto

*****

¡Este jueves 24 de octubre descubre los sabores únicos y genuinos de la cocina regional  italiana!

mandimandi 14

El restaurante Mandi Mandi (C/ Valencia, 28, 08015 Barcelona) nos propone un viaje a través de la rica tradición culinaria del Friuli, una encantadora región italiana situada en el Norte de la península, entre mar y montañas.

stacks_image_1052

Podrás degustar los platos típicos de la región en este pequeño y auténtico rincón friulano en Barcelona.

Cada plato será acompañado por un vino local, en maridajes perfectos que exaltan las propiedades de cada ingrediente. El menu de la cena incluye:

            ENTRANTE:

                Vinos

Tartar de atún con aguacate y kren (raiz de rávano) con crostini de pan (tostaditas).

    Friulano de Fossa Mala

             PRIMERO:

Spaghetti con “fasolari” (almejones de sangre).

    Sharis de Livio Felluga

             SEGUNDO:

Frico con polenta (plato tradicional del Friuli: especie de tortilla sin huevos, hecha de patatas y quesos típicos acompañado con harina de  mais braseada).

    Refosco de Fossa Mala

               POSTRE:

Reposteria típica friulana (esse di Raveo e strucchi)

          Prosecco de

         Teresa Rizzi

!No pierdas la ocasión de degustar estas exquisitas combinaciones de gusto!

Todo por 30,00 (iva inc.) por persona, todo incluido.

Es necesaria reserva ya que las plazas son limitadas.

Contactos

*****

CERIMONIA OFICIAL DE ENTREGA DE PREMIOS “OSPITALITÁ ITALIANA 2012”

_MG_6312

 La Cámara de Comercio Italiana de Barcelona premia los mejores restaurantes italianos con el reconocimiento “Ospitalitá Italiana – Ristoranti Italiani nel mondo”Barcelona, 13 Diciembre de 2012.

El pasado jueves 13 de Diciembre, la Cámara de Comercio Italiana de Barcelona ha entregado un reconocimiento especial a los restaurantes que han recibido el premio “Ospitalitá Italiana”, el prestigioso sello de calidad a los establecimientos de restauración italianos en el mundo.

Los ganadores de la edición 2012 del premio son:

descarga

1.     ANTICHI SAPORI DE ANGELI, Ctra. de Collblanc nº48 –  08028 Barcelona
2.      BUON APPETITO, Av. Marques de la Argentera, 19 – 08003 Barcelona
3.      DA PAOLO, Avenida de Madrid, 7 – 08028 Barcelona
4.      LA LOCANDA DI NONNA FLO, Plaza Sant Pere 1 17220 – Sant Feliu de Guixols
5.      OSTERIA DEL CONTADINO, Calle Saragossa 123 – 08006 Barcelona
6.      MANDI MANDI, C/ Valencia, 28 – 08015 Barcelona
7.      OBE, Plaça de Santa Caterina 1 – 08003 Barcelona
8.      TACABANDA, Carrer Torrent de L’Olla, 64 – 08012 Barcelona
9.      TRAMONTI 1980, Avenida Diagonal, 501 08029 – Barcelona
10.  ZERO ZERO 39, calle Laforja 130 bjs – 08021 Barcellona

La ceremonia oficial de entrega de premios tuvo lugar en la Antigua Fábrica DAMM (Rosellón 515 – Barcelona), durante el tradicional evento “La Vetrina del Made in Italy” que la CCIB celebra cada diciembre para las empresas asociadas. Durante el acto se entregó también un certificado de renovación del sello “Ospitalitá Italiana” a los restaurantes galardonados de la edición 2011.

La iniciativa, llevada a cabo por el segundo año consecutivo, por la Cámara de Comercio Italiana Barcelona (CCIB) en colaboración con la Unioncamere (Unión de Cámaras de Comercio Italianas) e Isnart (Instituto Nacional para las Investigaciones Turísticas), tiene como objetivo seleccionar y promocionar los restaurantes italianos en el mundo que garanticen los estándares de la hospitalidad italiana. Además, el reconocimiento es un importante instrumento de promoción de la tradición eno-gastronómica típica de las distintas regiones italianas.

Este proyecto se enmarca en la intensa actividad de promoción del Made in Italy –  especialmente de las excelencias de la gastronomía italiana – que la CCIB desarrolla gracias a su rol estratégico de puente entre Italia y España, en colaboración con las principales instituciones italianas en el territorio.

*****

ANTEPRIMA DOP 2012: 7 NUOVE DENOMINAZIONI AGROALIMENTARI IN ITALIA

Al Salone del Gusto di Torino il giorno 26 ottobre 2012 alle ore 18 presso lo stand del Ministero delle politiche agricole il terzo appuntamento per Anteprima DOP.

L’ iniziativa studiata dalla Fondazione Qualivita, per valorizzare lo start up delle denominazioni agroalimentari italiane che hanno appena ottenuto il riconoscimento comunitario DOP, IGP e STG, è riservata agli operatori di settore e stampa. Il progetto Anteprima DOP è stato concepito come uno strumento di promozione a supporto delle attività di commercializzazione e valorizzazione per le recenti registrazioni. Nell’occasione saranno presenti i rappresentanti delle organizzazione che hanno richiesto la registrazione ai quali saranno consegnati da un rappresentate del Ministero delle politiche agricole delle targhe ricordo per l’impegno profuso nell’iter di registrazione dell’Indicazione geografica.

Para más informaciones haz click aquí

*****

Ganadores de la VIIª edición del Premio:
“Ospitalitá italiana, Ristoranti italiani nel Mondo”

Un proyecto patrocinado por Unioncamere e Isnart (Instituto Nacional para las Investigaciones Turísticas).

El Proyecto tiene como objetivo seleccionar y promocionar los restaurantes italianos en el exterior que garanticen los estándares de la hospitalidad italiana a través de una marca que, desde 1997, es sinónimo de calidad de los servicios y productos ofrecidos. Además, el reconocimiento es un importante instrumento de promoción de las tradiciones agroalimentarias de las distintas regiones italianas.

Los ganadores son:


 

ANTICHI SAPORI DE ANGELI
Indirizzo: Ctra. de Collblanc nº48, 08028 Barcellona
Telefono: 934480676
Fax: 934480676
E-mail: deangelis_13@hotmail.it
Proposta gastronomica: Calabria
Horario:de 13.30-16 h. y de 21-24 h. Abierto todos los días.

BUON APPETITO
Indirizzo: Av. Marques de la Argentera, 19
08003, Barcellona
Telefono: 93-268-76-33
Sito web: http://www.buonappetito.es
E-mail: buon.appetito@email.es
Proposta gastronomica: Sicilia, Lazio
Horario: 12- 16 h / 20.30 – 24 h

DA PAOLO
Indirizzo: Avenida de Madrid, 73, Barcellona,08028
Telefono: 0034-93490 48 91
Sito web: http://www.dapaolo.es
E-mail: paolociccardi@hotmail.com
Giorni di chiusura: Domenica
Proposta gastronomica: Puglia
Horarios: De Lunes a Sábado 13-16 h / 20-24 h

DE GUSTIBUS ITALIAE
Indirizzo: Ricardo Calvo 1, 08022
Barcellona
Telefono: +34 934189849
Fax: +34 934189849
Sito web: http://www.degustibusitaliae.com
E-mail: info@degustibusitaliae.com
Periodi di chiusura: dal 16/08 al 06/09

GIORGIO
Indirizzo: C/Angel Guimerá 4, 43820
Calafell(Barcelona)
Telefono: +34 977691159
Sito web: http://www.ristorantegiorgio.com
E-mail: info@ristorantegiorgio.com
Periodi di chiusura: dal 18/12 al 20/01
Giorni di chiusura: Lunedì; Giovedì
Proposta gastronomica: Marche
Costo pasto: min 45 € – max 100 €

 


GRAVIN
Indirizzo: C/Rera Palau 3-5 08003
Barcellona
Telefono: +34 932684628
E-mail: gravinristorante@gmail.com
Periodi di chiusura: dal 25/12 al 01/01
Giorni di chiusura: Lunedì a pranzo; Martedì a pranzo
Proposta gastronomica: Puglia ; Veneto
Costo pasto: min 25 € – max 35 €

I BUONI AMICI
Indirizzo: Calle Casanova 193
08036, Barcellona
Telefono: +34 934396816
Fax: +34 934105606
Sito web: http://www.ibuoniamici.es
E-mail: ibuoniamici@yahoo.es
Periodi di chiusura: dal 07/08 al 22/08
Proposta gastronomica: Veneto
Costo pasto: min 22 € – max 75 €

 

L’OSTERIA DEL CONTADINO
Indirizzo: Calle Saragossa 123, 08006 Barcellona
Telefono: 932-110-808
Sito web: http://www.losteriadelcontadino.com
Periodi di chiusura: dal 15/08 al 30/08
Giorni di chiusura: Lunedì
Proposta gastronomica: Sardegna,Liguria
Horarios Lu-Vi 12-24 h; Sa desde 18 h

LA LOCANDA DI NONNA FLO
Indirizzo:Plaza Sant Pere 1 Sant Feliu de Guixols, 17220

Telefono: 972.820.803
Sito web: http://www.lalocandadinonnaflo.com
Giorni di chiusura: Mercoledì
Proposta gastronomica: Tutte
Horarios: 12:45-16 h / 19:45-24 h

LE CUCINE MANDAROSSO
Indirizzo: Calle Verdaguer i callis 4, 08003
Barcellona
Telefono: +34 932690780
Sito web: http://www.lecucinemandarosso.com
E-mail: cucina@lecucinemandarosso.com
Periodi di chiusura: dal 08/08 al 22/08
Giorni di chiusura: Lunedì
Proposta gastronomica: Campania

LE PIAZZE D’ITALIA
Indirizzo: Calle Casanova 94, 08013
Barcellona
Telefono: +34 933235977
Sito web: http://www.piazzeditalia.com
E-mail: marinonicola63@hotmail.com
Periodi di chiusura: dal 13/08 al 31/08 – dal 18/10 al 24/10
Giorni di chiusura: aperto 7 giorni su 7
Costo pasto: min 20 €

MANDI MANDI

Indirizzo: C/ Valencia, 28 Barcellona 08015
Sito web: http://www.restaurantemandimandi.es
Giorni di chiusura: Lunedì a cena; Martedì a cena
Proposta gastronomica: Friuli Venezia Giulia
Horarios: 13-15.45 h / 20.30-23.30

 

MASSIMO
Indirizzo: Via Augusta, 217 (esquina Modolell) 080021
Barcellona
Telefono: +34 934548146
Sito web: http://www.restaurantemassimo.com
E-mail: pascucci70@hotmail.com
Giorni di chiusura: Domenica; Lunedì a pranzo
Costo pasto: min 25 € – max 45 €

OBE
Indirizzo: Plaça de Santa Caterina 1 Barcellona 08003
Telefono: +34 932682365
Sito web: http://www.oberestaurant.com
E-mail: info@oberestaurant.com
Giorni di chiusura: Lunedì
Proposta gastronomica: Veneto, Sardegna
Horario: 10:30-24:00

 TACABANDA
Indirizzo: Carrer Torrent de L’Olla, 64 Barcellona 08012
Telefono: 932104516
Periodi di chiusura: dal 23/08 al 30/08
Giorni di chiusura: Domenica a cena
Proposta gastronomica: Piemonte
Horario: Ma-Sa 13:30-16 h / 20:30-23:30 h; Do 13:30-16 h

 

TRAMONTI 1980
Indirizzo: Avenida Diagonal, 501 Barcellona 08029
Telefono: 93-410-15-35
Fax: 93-405-04-43
Sito web: http://www.tramonti1980.com
E-mail: tramonti@tramonti1980.com
Proposta gastronomica: Liguria
Horario: 13-16 h / 21-24 h

VIA DEI MILLE

Indirizzo: c/aragó 364
08009 Barcellona
Telefono: +34 932465018
Sito web: http://www.viadeimille.com
E-mail: info@viadeimille.com
Proposta gastronomica: Campania
Costo pasto: min 15 € – max 30 €

 

ZERO ZERO 39
Indirizzo: calle Laforja 130 bjs Barcellona
Telefono: 935276914
Sito web: http://www.zerozero39.es
Periodi di chiusura: dal 01/08 al 31/08
Giorni di chiusura: Lunedì; Domenica
Proposta gastronomica: Sardegna, Campania
Horarios: Ma-Sá 13-16 h / 21-24 h

Para obtener la certificación, los restaurantes italianos en el extranjero tienen que cumplir 10 normas establecidas por Unioncamere. Cada norma se compone de unos requisitos, por ejemplo:

– el restaurante debe tener al menos una persona capaz de interactuar con el público en italiano;

– el porcentaje de platos tradicionales italianos y las recetas no deben ser menos de 50% del total de los platos que se presentan en el menú;

– la carta de vinos debe contener vinos italianos DOP o IGP (DOC, DOCG, intolerancia a la glucosa) en no menos del 30%. En cualquier caso deben estar presentes por lo menos 5 vinos italianos DOP o IGP;

– el restaurante debe ofrecer al cliente sólo el aceite de oliva virgen extra DOP / IGP de origen italiano;

– el chef debe estar calificado para la preparación de platos y recetas italianas a través de al menos uno de los siguientes requisitos: certificado de trabajo obtenido de un instituto italiano reconocido/ formación en un restaurante en Italia por un período no menos de 6 meses/ experiencia en cocina italiana, incluso en un restaurante italiano en el extranjero, no menos de 3 años.
Para más información:
camaraitalianabarcelona.wordpress.com/ospitalitaitaliana/
Web oficial del Premio Ospitalità Italiana http://www.premiospitalita.it

* * *

L’agroalimentare italiano? È “sulla bocca di tutti”!

I risultati della ricerca condotta da Unioncamere ed Assocamerestero, in collaborazione con le CCIE, sui ristoranti italiani nel mondo e su come rendere più efficace la promozione dei nostri prodotti di qualità. 

Come migliorare l’immagine dell’agroalimentare italiano all’estero?
Quali strumenti mettere in campo per contrastare fenomeni come la contraffazione e l’Italian sounding?
 I consumatori esteri conoscono veramente l’enogastronomia italiana, oppure rischiano di rimanere vittime di “falsi Made in Italy”?

A tutti questi interrogativi ha cercato risposte l’Indagine condotta da Unioncamere e Assocamerestero, in collaborazione con 62 Camere di Commercio Italiane presenti in 43 Paesi. Spunti di riflessioni utili, al fine di intensificare l’azione di promozione che l’Italia già da molti anni conduce su un settore così importante per la nostra economia.  Attraverso l’opinione di oltre 1.000 intervistati tra imprenditori, professionisti e opinion leader collegati alle Camere – soggetti potenzialmente più sensibili alle valenze di qualità, riconoscibilità e sicurezza alimentare dei prodotti italiani, chiamati però a rispondere nella loro veste di consumatori – si traccia un quadro delle valenze della ristorazione italiana nel mondo e dei prodotti agroalimentari ad essa collegati.

“L’indagine sul campo effettuata dalle CCIE mostra come l’agroalimentare italiano sia sempre più ‘sulla bocca di tutti’”, tiene a sottolineare il Presidente di Assocamerestero, Augusto Strianese. “Basti pensare che negli ultimi sei mesi circa la metà degli imprenditori e opinion leader esteri intervistati (48%) è stata in media più di cinque volte cliente di un ristorante italiano. Ma il prodotto è solo l’ultimo anello di una catena che parte dall’apprezzamento di una modalità di consumo del prodotto stesso, legato al contesto, all’atmosfera, in poche parole, allo stile dell’accoglienza italiana. È proprio sul binomio qualità dei prodotti-stile di vita, unito ad una maggiore sensibilizzazione dei consumatori locali, che le CCIE puntano per promuovere le produzioni italiane facendo leva sulle valenze dei singoli territori regionali di cui sono espressione”.

Per altre informazioni:

http://www.italplanet.it/interna.asp?sez=926&info=25587&ln=0

*  *  *

MERCATO ITALIANO: LA RISTORAZIONE SERVE UN BUSINESS DA 47 MILIARDI

La ristorazione italiana è in difficoltà, ma le opportunità di crescita restano elevate. È in sintesi estrema quello che emerge dal “Restaurant European Outlook 2012”, pubblicato da AlixPartners, che, sulla base dei dati sulla fatturazione degli esercizi, evidenzia un processo di stabilizzazione a livello europeo (+0,9%) nel 2011, dopo quattro anni consecutivi di flessione.

Guardando al dato italiano dell’ultimo quinquennio (-1%), si può verificare che il mercato è fermo dal 2007. Analizzando però i risultati del 2o11 si evidenzia una certa vivacità: la ristorazione è cresciuta infatti dello 0,9 per cento. Il valore totale è superiore agli altri Paesi dell’Europa Occidentale, ma le dinamiche sono differenti. «Innanzitutto per le dimensioni del business – spiega Francesco Leone, managing director di AlixPartners – che in Italia è superiore ai 47 miliardi, mentre negli altri Paesi è inferiore di almeno il 20% (è il caso di Francia e Regno Unito), fino a punte superiori al 50% (come in Germania). La grande differenza si vede poi nel mix di attività: in Italia, infatti, il peso è concentrato soprattutto sulla ristorazione tradizionale “full service” piuttosto che sul fast food puro. Questo perché si sta affermando la filosofia del “fast casual”: un incontro tra il ristorante tradizionale e il fast food, dove si consuma un pasto veloce, a un prezzo abbordabile ma a un buon livello di qualità».

L’analisi mette in luce il diverso sviluppo delle varie tipologie di ristorazione: se gran parte del fatturato è rappresentato dai ristoranti indipendenti, sono però i fatturati delle catene a registrare le migliori performance di crescita. Le catene di ristoranti segnano infatti, dal 2006, fatturati in miglioramento di circa il 13%, mentre le catene di fast food crescono addirittura del 30 per cento. Piace anche il fast food indipendente, che cresce del 3%, mentre i ristoranti indipendenti registrano una flessione del 2 per cento. «Il fenomeno della crescita delle catene di ristorazione in Italia – recita l’Outlook di AlixPartners – è anche molto legato allo sviluppo dei centri commerciali; i cosiddetti food court (le aree dedicate al food) rappresentano circa il 9o% della ristorazione commerciale italiana. E poiché si tende ad abbinare la varietà dell’esperienza d’acquisto con quella ristorativa, si punta sul mix formule/insegne, si tende a differenziare i menù, con l’inserimento di locali focalizzati sulle specialità regionali, sui piatti etnici». Sarà questa dunque l’offerta del futuro? «Non credo – spiega Luigi Consiglio, presidente di Gea ed esperto del settore food -. Si tratta di modi diversi di fare ristorazione, che sono spinti da driver altrettanto diversi. L’industrializzazione della ristorazione, infatti, ha il vantaggio della sicurezza e dello standard di qualità. Una catena è soggetta a controlli e c’è chi risponde sulla qualità dei prodotti venduti; il marchio, inoltre, garantisce uno standard di qualità che è uguale ovunque nel mondo. Il driver del locale indipendente, invece, è la flessibilità. Chi gestisce il proprio ristorante, infatti, non ha vincoli di orario di lavoro e può compensare più facilmente con aggiustamenti “personali” una fiscalità nazionale troppo alta rispetto all’alto grado di rischio di questa attività. Sulla crescita delle catene non c’è da stupirsi: in un contesto di crisi generale, infatti, solo i grandi marchi hanno la forza di investire».

Nonostante le difficoltà, le imprese italiane di ristorazione negli ultimi tre anni hanno registrato un saldo positivo: le cessazioni – seppur numerose – sono state infatti inferiori alle nuove aperture. Da marzo 2009 allo stesso mese del 2012, in base ai dati di Infocamere- Unioncamere, si è registrato un incremento dei locali del 12,5 per cento. Un trend che si evidenzia anche nella crescita dei locali italiani all’estero. «Sui circa ioomila ristoranti nel mondo con un simbolo italiano – spiega Ferruccio Dardanello, presidente diUnioncamere – spesso si nascondono attività che del valore del made in Italy non hanno nulla». Per tutelare questo patrimonio Unioncamere ha promosso il progetto “Ospitalità italiana, ristoranti italiani nel mondo”: una certificazionerilasciata ai ristoranti italiani attraverso le 75 Camere di commercio nel mondo, che raccolgono le richieste di certificazione, verificano l’esistenza dei requisiti e mandano a Roma la domanda. «Un’opportunità straordinaria per valorizzare le nostre eccellenze nel mondo attraverso la ristorazione di qualità. Perché a tavola si promuove non solo la cucina, ma anche tutto il made in Italy e il magnifico territorio di cui è espressione».

Fonte: Il Sole 24 ore

*  *  *

 OSPITALITÀ`ITALIANA  PREMIA  IL VINCITORE TRA “I MAGNIFICI 7”

Si è svolta lo scorso 15 febbraio a Milano, nella prestigiosa cornice di Palazzo Mezzanotte, la VI edizione del premio “Ospitalità italiana”.

Per la prima volta, erano presenti anche i 7 ristoranti italiani all’estero più votati nel mondo:

Il San Pietro di NewYork per l’Area NAFTA,  il Friccò diSan Paolo per l’Area Mercosur, l’Osteria da Fiorella di Tel Aviv perl’Area Mediterraneo,  il Caffè e Cucinadi Melbourne per l’AreaAustralia, il That’s Amore Italian Restaurant di Shanghai per l’AreaAsia-Sud Africa, Di Bartolo Ristorante& Enoteca Italiana di Escazùper l’Area Patto Andino-Centro America, il Castello Lucano di Kessel-Lo (Bruxelles) per l’Area Europa.

I 7 ristoranti vincitori sono stati selezionati fra le oltre 720 strutture certificate Ospitalità Italiana – Ristoranti Italiani nel Mondo, nel corso della prima annualitàdell’iniziativa, che ha visto candidati, tra l’altro, più di 1200 ristoranti italiani in rappresentanza di 45 paesi e candidati da 65 Camere di Commercio italiane all’estero.

Tra questi, è stato nominato ilvincitore assoluto, “il migliore e piú autentico ristorante italiano fuori d’Italia”: il Ristorante San Pietro di New York.

All’iniziativa, oltre a Unioncamere, Assocamerestero e Isnart, hanno aderito i Ministeri competenti (degli Affari Esteri, dei Beni e Attività Culturali, dello Sviluppo Economico, del Turismo e delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali), le principali organizzazioni del settore agricolo (Confagricoltura e CIA), Fipe, Federalimentare, ed Enit.

Ulteriori informazioni sono disponibili cliccando sul seguente link:

http://www.premiospitalita.it/SerataPremio.zip

LA CCIB SELEZIONA 19 RISTORANTI AL PREMIO “OSPITALITÁ ITALIANA EDIZIONE 2012”

Anche quest’anno la Camera di Commercio Italiana di Barcellona ha aderito al progetto “Ospitalitá Italiana – Ristoranti Italiani nel mondo, edizione 2012” promosso dall’Isnart in collaborazione con Unioncamere e volto a certificare la qualitá dei ristoranti italiani all’estero e a promuovere la cultura enogastronomica italiana.

La CCIB ha ricevuto piú di 40 adesioni, ma solamente 19 sono stati selezionati in quanto rispondevano a tutti i requisiti necessari per candidarsi. Gli aspetti fondamentali per la candidatura riguardano la qualitá dell’olio extravergine d’oliva, l’esperienza e la competenza del capocuoco, la proposta gastronomica (almeno il 50% dei piatti presenti nel menú deve appartenere alla tradizione italiana), l’accoglienza e la carta dei vini (che deve contenere almeno il 30% di vini italiani DOP/IGP).

Le candidature  proposte dalla CCIB saranno attentamente esaminate da un’apposita Commissione che valuterá l’assegnazione del prestigioso Marchio; i risultati saranno comunicati prima dell’estate 2012.

Nell’edizione 2011 i ristoranti certificati “Ospitalitá Italiana” piú votati al mondo, 7 in totale, sono stati convocati a Milano alla VI cerimonia del Premio Ospitalitá Italiana, dove hanno ricevuto un riconoscimento ufficiale in presenza del presidente dell’Isnart, Maurizio Maddaloni, del vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, del presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello e della stampa.

Il ristorante piú votato é stato il “San Pietro” di New York, che ha ricevuto il titolo di “Miglior Ristorante Italiano all’estero”. I 7 ristoranti sono stati selezionati tramite una votazione via internet e sms, nella quale hanno partecipato direttamente i clienti dei locali certificati.

Successivamente é stato eletto il vincitore per ciascuna delle 7 aree geografiche: il “That’s Amore Italian Restaurant” di Shanghai per l’Area Asia e Sud Africa, il “Caffé e Cucina” di Melbourne per l’Area Australia, il “Castello Lucano” di Kessel-Lo Bruxelles per l’Area Europa, il “Friccó” di San Paolo per l’area Mercosur, il “Di Bartolo Ristorante & Enoteca Italiana” a Escazú, in Costa Rica, per l’Area del Patto Andino-Centro America, “L’Osteria Da Fiorella” di Tel Aviv per l’Area del Mediterraneo, il “San Pietro” per l’Area Nafta (Stati Uniti, Canada e Messico).

Per  un approfondimento:

Un applauso all’eccellenza

L’Italia nel piatto

www.premiospitalita.it

*  *  *

Premiati i vincitori assoluti della VI edizione del premio “Ospitalitá Italiana”

Premio Ospitalità Italiana: vince l’hotel Tre Querce di Ancona; per l’estero trionfa il ristorante San Pietro di New York.

L’hotel Tre Querce di Ancona e il ristorante San Pietro di New York sono i vincitori assoluti della VI edizione del premio “Ospitalità Italiana” realizzato dall’Isnart in collaborazione con il sistema delle Camere di Commercio italiane. A premiare l’albergo a tre stelle del capoluogo marchigiano e il ristorante della grande mela il presidente dell’Isnart, Maurizio Maddaloni, insieme al vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani e al presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, al termine della serata finale che si è tenuta a Milano al Palazzo Mezzanotte, presentata da Barbara Chiappini e Cesare Cadeo. ´

Trenta le strutture finaliste, tra alberghi, agriturismi e ristoranti. Quest’anno, per la prima volta sul podio anche i 7 ristoranti italiani all’estero più votati nel mondo. Vincitore assoluto il ristorante San Pietro di New York che ha battuto la concorrenza di altri locali di Shanghai (That’s Amore), Melbourne (Caffè e Cucina), Kessel-Lo Bruxelles (Castello Lucano), Tel Aviv (Osteria da Fiorella), San Paolo (Friccò) e Escazù (Di Bartolo Ristorante & Enoteca Italiana) che hanno ottenuto il marchio di qualità Isnart.
Premiati anche i vincitori delle categorie alberghi da due a cinque stelle; gli agriturismi e i ristoranti gourmet, tipici, internazionali, classici e pizzerie. Primo premio per hotel a due stelle per “Hotel & Residence Roma” di Padova; hotel tre stelle: “Tre Querce” di Ancona; quattro stelle: ” Castello Miramare” di Latina; hotel cinque stelle: “Masseria Relais del Cardinale” di Brindisi. Per i ristoranti: “L’insolita zuppa (categoria classico italiano) di Genova; “Ruris” (gourmet) di Crotone;
“Taverna della Torre” di Brindisi; “Osteria dei sapori perduti” di Ragusa e “La Rotonda” (pizzeria) di Palermo. Primo classificato per gli agriturismi “Le Pale” di Genova.

Puntare sulla qualità delle strutture e dei servizi turistici – ha detto Maddaloniè la strada a senso unico per scalare le posizioni dell’Italia nella classifica dei Paesi più visitati dell’Europa e del mondo. E la certificazione di alberghi, agriturismi e ristoranti è sicuramente una marcia in più per moltiplicare le presenze di turisti in tutte le stagioni. La certificazione volontaria è una scelta vincente – ha aggiunto Maddaloni – perché i nostri alberghi e ristoranti, per ottenere il marchio, devono garantire precisi requisiti di ospitalità e sottoporsi al severo giudizio dei loro ospiti“.
Dal canto suo, Tajani ha assicurato che entro fine anno sarà presentato un testo legislativo sul marchio di qualità europeo per attirare nuovi turisti, soprattutto dalla Russia e dalla Cina, “con la speranza che si giunga anche ad una semplificazione nella concessione dei visti“.

L’ufficio stampa

Francesco Quaratino 347.3365899

stampa@isnart.it

*  *  *

Progetto realizzato con il contributo del Fondo Intercamerale di Intervento di Unioncamere

.

PROGETTO
“Ospitalità italiana, Ristoranti italiani nel Mondo”
Anno 2011/2012

Quando si parla d’Italia, sono in molti ad associare il nostro Paese, oltre che alle bellezze culturali e paesaggistiche, anche alle eccelenze della nostra enogastronomia: un patrimonio fatto di storia, tradizione, legame con il territorio, che dobbiamo promuovere e proteggere.
Da questo presupposto nasce “Ospitalità italiana, Ristoranti italiani nel Mondo”, una certificazione che riconosce i nostri “ambasciatori” del gusto.
La Camera di Commercio Italiana – Barcelona procederá alla selezione e certificazione dei “Ristoranti Italiani nel Mondo”, un progetto promosso da Unioncamere e Isnart (l’Istituto Nazionale Ricerce Turistiche).Nel 2011, la
CCIB ha certificato 9 ristoranti italiani, di cui 8 a Barcellona ed 1 a Calafell. Quest’anno la CCIB ha come obiettivo certificare altri 20 ristoranti italiani della Catalogna.

1) Obiettivi del progetto “Ospitalità italiana, Ristoranti italiani nel Mondo”:
*   Sviluppare e promuovere le tradizioni dei prodotti agroalimentari italiani e valorizzare la cultura gastronomica italiana.
*   Valorizzare l’immagine dei ristoranti italiani all’estero che garantiscono il rispetto degli standard di qualità dell’ospitalità italiana.
*   Creare nuove opportunità e azioni di promozione per i ristoranti italiani nel mondo

2) Vantaggi della certificazione:
Essere certificati significa ricevere un marchio di qualitá, maggiore visibilità attraverso le iniziative di promozione che realizza la CCIB come promotore del progetto in Spagna:
*   pubblicità dei ristoranti nella web, blog e newletter della Ccib
*   promozione dei ristoranti nella web  www.10q.it
*   promozione verso i soci e partners della Ccib
*   partecipazione ad iniziative specifiche di promozione territoriale organizzate da Ccib

3) Requisiti per la certificazione:
Il regolamento del progetto stabilisce 10 regole e una serie di requisiti esseziali per poter partecipare alla selezione del marchio “Ospitalitá Italiana”, che riguardano la proposta gastronomica, l’accoglienza, la carta dei vini, l’olio extravergine d’oliva, l’esperienza e la competenza del capocuoco.

4) Istruzioni per partecipare:
*   leggi attentamente la documentazione:
RIASSUNTO ESPLICATIVO
REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL MARCHIO Ospitalità Italiana
*  verifica se il tuo ristorante possiede i requisiti per il marchio Ospitalitá Italiana consultando il DISCIPLINARE TECNICO
*  compila la SCHEDA DI ADESIONE e inviala entro il 6/02/2012 alla CCIB via e-mail o via fax al (+34) 93.318.40.04

Per qualsiasi informazione:
Manuela Pinotti  manuelapinotti[at]camaraitaliana.com
Tel. 93 318 49 99

*

*  *  *

*

 La Cámara Italiana Barcelona premia los 3 restaurantes italianos más votados de Barcelona

El pasado jueves 15 de Diciembre, la Cámara de Comercio Italiana entregó un reconocimiento especial a los tres restaurantes italianos más votados de Barcelona entre los nueve que recibieron el premio “Ospitalitá Italiana”, el prestigioso sello de calidad a los establecimientos de restauración italianos en el mundo. Los ganadores son:

1° LE CUCINE MANDAROSSO

2° RISTORANTE GIORGIO

3° DE GUSTIBUS ITALIAE

La ceremonia oficial de entrega de premios tuvo lugar a partir en el Hotel Princesa Sofia, durante el tradicional evento “La vetrina del Made in Italy” que la CCIB celebra cada diciembre para las empresas asociadas.

El Sr. Serafini, del Restaurante Giorgio y el Sr. Leonetti de Le Cucine Mandarosso recogieron orgullosos el premio, delante de los 250 asistentes al acto, de la mano de la Presidenta de la CCIB, la Sra. Mercedes Brey. La Segretario General de la CCIB Livia Paretti recogió el reconocimiento en nombre de el Restaurante De Gustibus.

La iniciativa, llevada a cabo por la Cámara de Comercio Italiana Barcelona (CCIB) en colaboración con la Unión de Cámaras de Comercio Italianas (Unioncamere) e Isnart (Instituto Nacional para las Investigaciones Turísticas), tiene como objetivo seleccionar y promocionar los restaurantes italianos en el mundo que garanticen los estándares de la hospitalidad italiana. Además, el reconocimiento es un importante instrumento de promoción de las tradiciones agroalimentarias típicas de las distintas regiones italianas.

Este proyecto se enmarca en la intensa actividad de promoción del Made in Italy – especialmente de las excelencias de la gastronomía italiana – que la CCIB desarrolla gracias a su rol estratégico de puente entre Italia y España, en colaboración con las principales instituciones italianas en el territorio.

 El proyecto “Ospitalità Italiana Ristoranti Italiani nel Mondo”

Para obtener la certificación, los restaurantes italianos en el extranjero tienen que cumplir 10 requisitos establecidos por Unioncamere. El comedor del restaurante, por ejemplo, debe contener elementos representativos de la cultura italiana, el menú, rigurosamente traducido al italiano, debe incluir al menos un 50% de platos y recetas tradicionales de las distintas regiones de Italia. Igualmente, los vinos italianos DOP deben representar al menos el 20% del total de la carta. Y finalmente no puede faltar sobre mesa una botella de aceite de oliva virgen extra DOP producido en Italia.

Para más información:
camaraitalianabarcelona.wordpress.com/ospitalitaitaliana/
Web oficial del Premio Ospitalità Italiana www.premiospitalita.it

*

*  *  *

*
31 restaurantes italianos en España reciben el “Marchio Ospitalità Italiana”

Son 31 los restaurantes italianos en España que han recibido el “Marchio Ospitalità Italiana” en dos actos que tuvieron lugar en las ciudades de Barcelona y Madrid respectivamente el día 9 y 20 de junio de 2011.
Los dos eventos forman parte del proyecto “Hospitalidad Italiana, Restaurantes Italianos en el Mundo”, promovido por la Unión de Cámaras de Comercio ItalianasUnioncamere – e Isnart (Instituto Nacional para las Investigaciones Turísticas), que tiene como objetivo seleccionar y promocionar los restaurantes italianos en el exterior que garanticen los estándares de la hospitalidad italiana a través de una marca que, desde 1997, es sinónimo de calidad de los servicios y productos ofrecidos. Además, el reconocimiento es un importante instrumento de promoción de las tradiciones agroalimentarias de las distintas regiones italianas.
El acto oficial de entrega en la ciudad condal, organizado por la Cámara de Comercio Italiana de Barcelona – CCIB –, tuvo lugar el día 9 de junio de 2011 en el Hotel Princesa Sofia, durante la tradicional Cena de Verano, que constituye un evento de referencia para el mundo empresarial italiano en Cataluña y que contará con la presencia de representantes del Consulado General y del Istituto Italiano di Cultura. Son 9 los restaurantes italianos de Barcelona y Provincia, seleccionados por la CCIB durante la primera anualidad del proyecto, que recibieron la marca “Ospitalità Italiana” durante el evento entregada por la Presidenta de la Cámara Italiana, la Sr. Mercedes Brey. 

Los restaurante seleccionados son: Al contadino sotto le stelle, I Buoni Amici, Le Piazze d’Italia, de Gustibus Italiae, Giorgio, Gravin, Le Cucine Mandarosso, Massimo, Via Dei Mille

Lee aquì el articulo publicado en IL GIORNALE ITALIANO – julio 2011

 
 

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: